Sabato 17 02 2018 - Aggiornato alle 21:52

ciro_miceli
Imprenditori di successo E' di Burgio il signore delle lumache

L'imprenditore racconta dell'azienda in forte espansione e che punta con decisione al mercato internazionale

di Santina Matalone - 08/04/2014

E poi dicono che i giovani sono bamboccioni, non hanno iniziative e spirito creativo. Anzi, a volte la loro intraprendenza va oltre l’immaginario. Di fronte alle difficoltà di una società senza lavoro, senza prospettive di crescita, c’è chi pensa positivo e ed è propositivo. E dopo diverse piccole esperienze lavorative, poco entusiasmanti e soddisfacenti anche economicamente, c’è chi fa marcia indietro e percorre nuove strade, nuove scelte, a volte singolari. Come singolare è la storia di Ciro Miceli, 35 anni, di Burgio, laureato in agraria, un passato da insegnante precario al Nord, che decide di creare/inventare un lavoro nuovo che in qualche modo potesse avere a che fare con i terreni di proprietà della famiglia. Ha a disposizione un’area di circa 5000 metri quadrati, una volta terreno fertile per alberi di pesco (una produzione poi dismessa perché troppo onerosa e trasformata in lago artificiale) e così nel settembre del 2013, in contrada “Contrasto” a circa 7 chilometri da Burgio in provincia di Agrigento, crea la Miceli’s Snail, azienda specializzata nell’allevamento di lumache da gastronomia.

Ero stanco dell’incertezza di un lavoro precario – racconta Ciro – e ho deciso di inventarmi un lavoro. Ho fatto una ricerca sui prodotti agro-alimentari siciliani, e sui mercati. Mi sono reso conto che in Italia l’80% delle lumache usate nella gastronomia viene importato. Ho pensato di cimentarmi in questo settore, sfruttando un terreno di proprietà della mia famiglia non utilizzato”.

Due le specie di lumache che vengono allevate: l’“Helix Aspersa Muller” meglio conosciuta nella nostra zona come “crastuna” e l“Helix Aspersa Maxima” o Escargot. Al momento Ciro è l’unico lavoratore dell’azienda, lui è imprenditore, produttore, tecnico e addetto alla vendita. Il suo obiettivo è ampliare l’allevamento ma soprattutto costruire uno stabilimento dove produrre e confezionare i derivati della lumaca, come il patè. Sono stati affrontate spese per creare l’ambiente ottimale dove le lumache crescono, si alimentano e si riproducono.

Particolare cura è stata rivolta all’alimentazione e all’ambiente, garantendo in tal modo un prodotto sicuro, dalle carni tenere con pochi grassi e con un altissimo livello proteico, ottimo anche per le diete. "Nella mia azienda sono completamente banditi concimi chimici e presidi chimici di qualsiasi tipo, in modo da avere rispetto sia per l’ambiente, sia per le lumache e principalmente per i clienti che acquisteranno un prodotto di qualità accertata”, dichiara Ciro.

Diversi i contatti della Miceli’s Snails con paesi anche orientali. L’azienda è stata selezionata dall’assessorato alle Attività Produttive tra le realtà aziendali siciliane che hanno rappresentato la nostra Isola al Sigep Rhex di Rimini, storica manifestazione fieristica. Qui Ciro infatti ha avuto modo di intessire rapporti commerciali con buyers internazionali. Le lumache sono state inviate a Madrid e Parigi, e sembrano interessare anche ad aziende farmaceutiche e cosmetiche. La bava del piccolo mollusco gasteropode pare infatti contenga collagene, proprietà emolitiche, espettoranti e cicatrizzanti.

L’azienda sicuramente rappresenta una nuova realtà nel settore agricolo. Oggi Ciro ha in cantiere tanti progetti; la realizzazione di un primo stabilimento unico in tutto il Sud Italia per la produzione di trasformati agroalimentari, come il patè di lumaca molto richiesto in Italia ma anche all'estero, dare la possibilità a scuole di ogni grado, famiglie, e a chiunque fosse interessato, di effettuare visite guidate per favorire un maggior contatto con la natura e far conoscere il mondo della lumaca, creare un laboratorio di ricerca per trovare nuove tecniche di allevamento all’avanguardia.

Ho iniziato con mille difficoltà di carattere burocratico; ci sono buone opportunità anche nel mercato spagnolo e mi piacerebbe entrare nella grande distribuzione organizzata - dichiara Ciro. Mi sono creato un lavoro. Sarebbe utile qualche finanziamento regionale per la nuova imprenditoria per iniziare a pensare oltre, e soprattutto, poter offrire anche dei posti di lavoro. Io in Sicilia ci sono tornato, mi piacerebbe che anche altri giovani riuscissero ad affermarsi nella propria terra”.

Le lumache della Miceli’s Snails e la storia di Ciro stanno facendo il giro del mondo. Insomma “li castruna” hanno già fatto gola, e in futuro "andare a passo di lumaca" potrebbe significare andare speditamente verso il successo.

 

 

 

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

ARTICOLI CORRELATI

Giovani e imprenditoria
Cum Laude, quando i sogni diventano realtà FOTO

di SANTINA MATALONE - Sfruttando la loro creatività nel campo della moda, lo stile e l’eco sostenibilità, due giovani agrigentini lanciano con successo il “Made in Sicily” nel mondo

scrivi alla redazione